Si amplia lo specchio delle agevolazioni per la costruzione della prima casa!

Se prima, l’Agenzia delle Entrate ha riconosciuto le agevolazioni solo nel caso in cui il contribuente provvedesse anche all’acquisto del terreno sul quale edificare, ad oggi ammette il mantenimento  dei benefici anche nel caso in cui il terreno risulti già di proprietà al momento della cessione della precedente “prima casa”.

Con l’acquisto della “prima casa”, se immobile non di lusso e ne sussistono le condizioni le agevolazioni sono

  • 2% di imposta di registro + €50 x 2 di imposte catastali

Oppure

  • 4% IVA + €200 x 2 di imposte catastali

L’Agenzia delle Entrate ha allineato la propria interpretazione della normativa relativa al mantenimento/decadenza delle agevolazioni “prima casa” in caso di cessione della stessa nei  5 anni dall’acquisto. Ora rientra nell’esonero della causa di decadenza anche l’acquisto a titolo originario, per accessione al terreno di proprietà del contribuente e dell’immobile, poiché ciò che conto è solo che nel nuovo immobile si costituisca l’abitazione principale.

In conclusione non ha rilevanza il momento di acquisizione del terreno sul quale dovrà sorgere l’immobile da adibire ad abitazione principale, ma è sufficiente che entro un anno dall’alienazione del primo immobile venga realizzato sul proprio terreno un fabbricato, dando concreta attuazione al proposito di adibirvi effettivamente la propria abitazione principale.